Dobot Magician

Il Dobot Magician è un braccio robotico educativo che consente a qualsiasi persona di avvicinarsi ed imparare divertendosi il mondo dell'automazione, della robotica e delle macchine, sotto il nome di Dobotica. Il robot non solo è adatto a ragazze e ragazzi liceali e universitari, ma anche a bambine, bambini, ragazze e ragazzi delle medie e delle elementari, ci sono solo alcune accortezze che ognuno deve conoscere per far funzionare la macchina.

La macchina funziona solo con software proprietario freeware (ovvero gratuito) denominato Dobot Studio (solo in lingua inglese) già installato su alcuni computer del Fablab Pavone. Grazie all'eseguibile è possibile controllare il braccio in modo da poter eseguire diverse operazioni in maniera automatica e programmato o con l'aiuto o il consenso dell'operatore (bambine, bambini, ragazze, ragazzi, adulti e veterani).

Esistono diverse modalità per poter interagire e programmare il braccio in modo che compia diversi movimenti, come la modalità "teaching & Playback", adatta a tutti, dove consente di spostare il braccio robotico tenendo premuto un pulsante in diverse posizioni e fargli fare diversi movimenti e una volta esauriti, di riprodurli in maniera ciclica per diverse volte o infinitamente. La stessa funzione la si può impartire anche attraverso le due modalità Blocky e Script. La prima risulta essere adatta da ragazze e ragazzi delle medie e liceali, mentre la seconda è più rivolta ad un pubblico informatico, meccanico o elettrico liceale, di istituti o universitario.

Un'altra modalità che consente di controllare il Dobot è attraverso l'uso del Mouse, tuttavia, seppur è una modalità semplice, può mandare molto facilmente fuori controllo il braccio robotico e quindi si consiglia di usare questa modalità con cautela.

Il Dobot Magician non è solo un braccio che consente di muoversi e spostare oggetti da un parte all'altra per mezzo di una ventosa o di una presa, ma è dotato di qualità nascoste, come la possibilità di stampare in 3D o di disegnare, con l'ausilio di un foglio, su pezzi di carta, superfici di legno eccetera...

La tecnologia di stampa 3D offerta dal Dobot Magician è sempre la classica FDM presente su tutte le nostre altre stampanti 3D (guarda tutti I nostri macchinari), tuttavia la sua particolarità è di essere una stampante molto precisa una volta impostata ad usare le coordinate polari, un particolare sistema in grado di descrivere punti nelle superfici sferiche per mezzo di un raggio rappresentante la distanza nelle tre componenti cartesiane tra il centro di riferimento e il punto e due angoli di riferimento. La macchina usata in modalità stampante 3D è adatta per realizzare qualsiasi tipologia di lavoro, in particolare geometrie come archi e sfere, tuttavia è adatta per piccoli progetti.

Arduino Logo Arduino UNO

Questa piccola ma incredibile scheda dal nome Arduino è la scheda su cui si basano molti dei nostri progetti e molte dei nostri macchinari, per non parlare dei corsi che teniamo per far avventurare sempre più persone nel mondo tecnologico e ridurre così la diversità digitale. Questo microcontrollore è veramente versatile e si diversifica in decine di varianti, permettendo a migliaia di progetti di prendere vita grazie ad un codice di programmazione Open Source e ad uno schema dei vari componenti Open Hardware.

Può sembrare ostico avventurarsi dentro questo mondo limitato dalla vostra creatività e dalla vostra voglia di ampliare le vostre conoscenze, ma, una volta imparati i primi passi per percorre questa strada potrete essere sempre aiutati e supportati da una Community Open e sociale pronta a cimentarsi nei vostri pensieri e ad insegnarvi molti concetti strani e stravaganti ma essenzialmente importanti. Nel caso però che nessuno conosca la risposta, potrete sempre essere reindirizzati sulle giuste ricerche in modo da poter affrontare con orgoglio e vigore questa giungla digitale.

Ogni microcontrollore Arduino monta un microprocessore (nel caso della UNO un ATmega328P) il cuore e il cervello della scheda. Seppure le specifiche tecniche non sembrano essere delle migliori, sono sufficienti a dare vita al progetto dei tuoi sogni e, nel caso ti accorgi che non bastano o sono troppe, puoi sempre puntare su un microcontrollore Arduino diverso dal modello UNO, avrai la certezza che il codice che avrai scritto funzionerà su entrambe le schede (nel limite delle prestazioni e della capacità di memoria).

Allora, cosa aspetti, iscriviti e informati sui prossimi corsi che si terranno al FabLab Pavone per poter scoprire ed imparare ad utilizzare la scheda Arduino.

 Incisore 2D Laser LED

Area massima di incisione: 50x50 mm

L'incisore laser presente al Pavone è una macchina CNC che consente di incidere disegni e scritte monocromatiche o in scala di grigi direttamente sul legno o su altre superfici robuste, teneri e non riflettenti, con un solco d'incisione massima di 4 mm. La tecnologia usata è una incisione laser LED blu che può bruciare gli occhi solo guardare il fascio di luce mentre stampa. Durante la stampa si devono indossare gli occhiali di protezione e, se non si possono usarli, si può guardare il lavoro solo attraverso la parete verde trasparente attaccata al telaio della macchina. Per una maggiore protezione, si consiglia di guardare attraverso questa parete utilizzando assieme anche gli occhiali di protezione.

Per realizzare le stampe bisogna controllare e regolare manualmente il punto di inizio, per farlo, attraverso l'apposito software in nostra dotazione, si può abbassare il livello del laser, in maniera da poter non solo guardare dov'è il punto del fascio blu, ma anche mettere le mani nell'area di stampa senza bruciarsele per spostare il pezzo su cui si realizzerà la stampa. Si sconsiglia assolutamente di usare la macchina se non si è esperti o non si è assistiti da persona competente ed informata per i grossi pericoli che ci possono essere.

Raspberry Pi Logo

Le schede fornite dalla casa Raspberry Pi si possono definire come dei computer in miniatura con tutto ciò che viene considerato il minimo necessario per poterle gestire saldato direttamente sulla scheda. Perché funzionino hanno bisogno di una scheda microSD, che potremmo definirla come quella parte di cervello che memorizza le cose, sulla quale andrà montato un sistema operativo apposito; un alimentatore per poter accendere il Raspberry e per evitare che vada a fuoco dei dissipatori Dissipatore da dover appiccicare sui 3 componenti principali del Raspberry la CPU, la GPU e il PCB d'alimentazione. Una volta fatte le prime configurazioni, si potrà procedere ad accendere il raspberry e a farlo funzionare. Per poterlo controllare servirà che il raspberry sia collegato sulla vostra rete LAN o WLAN come lo dovrà essere un altro vostro dispositivo (preferibilmente un pc per le prime configurazioni) con sopra installato Putty e dopo le prime configurazioni si sarà in grado di poter utilizzare già il software VNC viewer che vi permetterà di usare il Raspberry come un pc Desktop.

Il Raspberry ricopre molte funzioni, non solo è un piccolo pc, ma permette anche di essere integrato in progetti simili a quelli realizzati in Arduino, con il limite di avere delle porte più complesse da poter usare e sfruttare rispetto all'Arduino, ma non solo, anche il linguaggio che serve per poter programmare la scheda si diversifica da quello di Arduino perché può essere programmato con diversi linguaggi come il C, il Java, il Python e molti altri.

Il Raspberry è molto utilizzato come mini server o per iniziare ad imparare il sistema operativo Debian Linux, inoltre è al centro di centinaia di progetti informatici molto ambiziosi. Se vuoi saperne di più su questa scheda e vuoi cimentarti in questa strada per poter imparare ad utilizzare un Raspberry, puoi informarti grazie ai nostri corsi ed imparare molte cose divertendoti con questa scheda seguendo i nostri Corsi.

 Vinyl cutter FabLab Pavone

Dimensioni di stampa massime 1000 mm

Questa è la Vinyl Cutter/ Plotter da taglio per vinile presente al FabLab Pavone.

Grazie a questa macchina si possono produrre banner, striscioni, grafica veicolare, grafica per cover per cellulare e tablet, insegne, segnaletica, personalizzazioni, retroilluminati, stencil, termo-adesivi per magliette, altri adesivi eccetera... con una lunghezza pari a quella del rotolo. Intagliando fogli di rame adesivo si possono inoltre creare circuiti elettrici sottili e flessibili. I materiali lavorabili devono essere accoppiati con un materiale di supporto (il dietro dell'adesivo) per uno spessore non superiore ad 1mm.

Per realizzare l'intaglio è necessario di un software che monitora lo stato della stampa e converta il disegno in uno schema stampabile.

Pagina 2 di 2

© 2020 FabLab. Tutti i diritti riservati. Designed By JoomShaper & Matteo Ravera